Spiritual...mente..il corpo!
Home Su


Il tempo del consenso:28 gennaio
Spiagge..ancore..trenta fari...
Spiritual...mente..il corpo!
Eclissi e sole
Auguri dalle...scale!
Ho visto..e allora auguri!
Il segreto del cuore
La forza di essere presenti
Auguri per ...
Buon viaggio: 2012
Il dono
Nuova pagina
Nascere magicamente

Quando ci allontaniamo dai problemi il mondo pare allargarsi e loro diventano piu' piccoli.

Allo stesso modo quando ci allontaniamo dall'amore il mondo pare allargarsi e lui diventa piu' piccolo.

 Il mondo nel suo allargarsi ci trasporta nel vuoto dell'esistenza dove il suo opaco colore

 ci illude di dipingere infinite possibilita'.

 In quello spazio la mente si dissocia,il cuore perde qualcosa mentre il corpo assente riposa.

Nella mente senza spirito il corpo che piace assume il disegno di un piatto verace.

Si dimentica crescendo che proprio il corpo il primo contenitore della nostra esistenza,prima che sia..in noi.

In quanto tale va'osservato,conservato,rispettato,consacrato per lo spirito che scendendo attraverso lui ci ha..dato.

Un corpo non nostro ma che pura accoglienza e appartenenza e ci con..tiene.

Accogliere gratuita',servizio alla vita.

Appartenere dono,gratitudine alla vita.

Io sono per te cio' che ti con..tiene e nutre.

Io in te con..tengo la mia vita e di te mi nutro.

Magica fusione e non associazione.

Nella sua sacralita' il corpo non ha eta'.

La vita si forma e si dissolve nella profondita'.

Cio' che nella profondita' e'conoscenza aleatorio nell'apparenza.

La conoscenza della realta'ci porta spesso ad allontanarci dalla verita'.

Ci lasciamo condurre in quello spazio dove l'ampiezza del mondo vuoto rende piccolo il valore di cio' che e' grande.

La paura della vita ci distoglie dall'essenza della corporeita'.

Dietro la mancanza del contatto del neonato,si cela il timore del corpo dell'amante con quello dell'amato

 prima ancora che lo sia stato.

La mente offuscata rallenta e inconsapevolmente prende la distanza.

Lo spirito ingrato non mantiene il ricordo di cio' che e' stato.

Rifugge dalla materia che lo ha generato o si nutre voracemente esorcizzando il vuoto del passato.

Il corpo diviene un cibo mal cotto e mal consumato.

Contenitore inanimato come animale sacrificato da un gesto sconsacrato.

Portare la percezione oltre il timore della sensazione fa' si che la mente riprenda la strada della fusione.

E come creta che si sgretola e si plasma sotto mano d'artista il corpo ritrova ,sotto la mano dell'altro,spirito,vitalita'.

L'arbusto secco con linfa vitale ritrova anima,solidita'.

Rivive l'attimo della creazione e a lei si abbandona con disperazione.

Il corpo..spiritualmente non mente..mai..!